Aggiornamenti sul Magenta

Oltre alla T-Mobile che ha registrato il “suo” magenta, c’è da segnalare anche Red Bull, ora proprietaria dei colori blu, silver e del colore blu/silver (ma non ho ancora capito qual’è esattamente il colore registrato).
In virtù del copyright, quello specifico colore non può essere usato da altre aziende o privati per fini economici o di lucro, poichè si può incorrere nel rischio di essere denunciati per violazione di marchio. Beh, è quello che vorrebbero TMobile e RedBull.

Meno male che l’Unione Europea non la pensa così. L’articolo 4 del regolamento europeo sui marchi prevede infatti che la registrazione è possibile solo per “i simboli rappresentabili graficamente”:

A Community trade mark may consist of any signs capable of being represented graphically, particularly words, including personal names, designs, letters, numerals, the shape of goods or of their packaging, provided that such signs are capable of distinguishing the goods or services of one undertaking from those of other undertakings.

Inoltre l’articolo 7, comma 1(a) continua con un “Non si possono registrare simboli non conformi a quanto previsto dall’articolo 4”:

1. The following shall not be registered:
(a) signs which do not conform to the requirements of Article 4;

E sinceramente a questo punto vengono fuori un po’ di domande. Come mai l’ufficio brevetti/marchi non ha sollevato dubbi sulla registrazione del colore? Come hanno fatto a vincere quel paio di cause? Il giudice tedesco non ha applicato la norma europea?

Salta poi fuori questa contorta sentenza della Corte di Giustizia Europea del 2004:

Colori o combinazioni di colori che siano oggetto di registrazione, devono essere sistematicamente definiti associando le tonalità in modo uniforme

Ehhhh?? Quindi? Cosa vuol dire?

In ogni caso, c’è un problema di fondo: il regolamento è del 1993 e da quell’anno ne sono cambiate di cose. E’ cambiato il mondo, la stampa, internet si è diffuso. E così cambia il modo comune di concepire il marchio, l’uso che se ne può fare, le consuetudini. Ed è su questo che i legali di Deusche Telecom hanno puntato quando hanno registrato il loro colore.

Non so, non so, non capisco. E si entra pure nel mondo della dottrina giuridica. Dove ci si diverte a fare leggi contorte, fatte apposta per essere interpretate ed adattate. Però, da quel poco che so, anche se cambiasse la dottrina sulla registrazione dei marchi, non dovrebbe esserci effetto retroattivo.
A tutt’oggi vale ancora il regolamento del 1993. T-Mobile ha registrato un colore. Punto. Non poteva registrarlo. Punto.
E i legali dicono:

Non si può, insomma, applicare al mondo virtuale una legge entrata in vigore quando Internet era solo una realtà di pochi.

Ma che non tirino in ballo internet! Le denuncie di violazione di Magenta©/™ si sono scagliate contro campagne pubblicitarie stampate. Mica contro gif o filmatini pubblicitari in Flash!!!

E in ogni caso io il Magenta lo continuo ad usare. E l’ho usato pure oggi, per principio, per una pubblicità di una gelateria. Che venghino a contestarmi pure. Già, li voglio vedere col colorimetro in mano. E li voglio vedere a misurare (e trovare) il 100% Magenta. Non avranno difficoltà a dimostrare che ho usato il loro 100% Magenta perchèl’ho sporcato con un 1% di ciano, giallo o nero. Avranno difficiltà a trovarlo perchè il mio 100% magenta su piccì (o meglio, su Mac), una volta stampato dai simpatici tipografi può diventare qualsiasi colore dello spettro cromatico. Ma anche perchè bisogna pure da considerare la resa cromatica del materiale. Che cambia nel tempo, nel luogo e nello spazio. Ahahah

Un pensiero su “Aggiornamenti sul Magenta

  1. così va già meglio. dubito onestamente che per quanto possano far causa, si possa ricavarne qualcosa da un processo del genere.
    il magenta 100% non esiste a priori. nè il nostro schermo nè la stampa lo può produrre completamente, visto che comunque dipende sempre dal supporto usato. o usi un pantone (e lì potrei pure aver capito) oppure in quadricromia un magenta è difficile da ottenere.
    basta sporcarlo con un 1% di cyano o di giallo e chi se ne accorge? lol
    bisogna solo ricordarsi di farsi fare una ricevuta apposita dal tipografo! *_*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *