Modern times

E così, sono entrato ufficialmente nel mondo dei pendolari della grafica. Sono entrato nel mondo del lavoro in open-space con melette morsicate ovunque. Sono entranto nel mondo del gossip da ufficio, fatto di occhiate, bisbigli e chiamate (rigorosamente VoIP) da un’interno all’altro, con tanto di cuffia con microfono, mica alzando la cornetta!
Già, perchè questa settimana, con un po’ di anticipo rispetto al preventivato, ho iniziato il mio primo, nuovo, ufficiale lavoro. Dopo due giorni le cose che posso dire sono ben poche.. il gruppetto di colleghi sembra ben affiatato (con tanto di coppietta interna al gruppo) e per ora mi ci trovo bene. Mi trattano come uno che non sappia a cosa serve neanche il mela-c (e qui..) anche se, bene o male, queste cose non sono affatto nuove per me. So che conviene salvare spesso perchè Quark è una brutta bestia, soprattutto quando deve importare immagini o eps. So cos’è una manchette, un piedino e un piedone. So che i nr di pagina vanno a destra per le dispari, a sinistra per le pari e che bisogna sempre controllare la data sulle pagine. So che le foto vanno schiarite perchè in stampa vengono molto più scure, anche se io preferisco farlo con le curve, mentre una lavora con i livelli, l’altro – il mio responsabile – con luminosità/contrasto. Scuole di pensiero diverse.
Però tutto ciò mi consola. Perchè vuole dire che tutto ciò che ho precedente imparato autonomamente sul buon grafico/impaginatore di free-press è stato giusto e corretto.
L’orario di lavoro è quello che si adatta a me. Dalle 15-15.30 fino a quando si finisce. Ieri le 23, oggi le 23.30. E poi di nuovo macchina, autostrada, casa. Sì, sa, sono un animale notturno. E quindi tutto sommato mi va bene. Ma stare 8 ore di fila, praticamente senza pause (si può considerare pausa l’aperitivo di un quarto d’ora verso le 7 al bar sotto l’ufficio?), davanti il computer a fare task ripetivi e ben poco creativi è particolarmente pesante.
Ma al momento, però, mi sento un po’ limitato.. è che arrivo da una condizione lavorativa in cui tutto fanno tutto, per forza di cose. E mi ritrovo invece ad avere un compito specializzato. Quello e solo quello. Perchè oggi, che eravamo in attesa del lotto e del sudoku e non potevamo chiudere la pagina, non potevo far altro che girarmi i pollici. Finchè la collega addetta a creare la tabella non l’avesse fatto. Collega che però era impegnata in qualcosa di ben più importante. Fosse stato per me, avrei doppio cliccato quel .ai sul server ed inserito i numeri. Ma non si poteva fare. Non era mio compito.

Molte teorie nacquero intorno al fatto che il lavoro altamente ripetitivo e meccanico richiesto agli operai dell’epoca nelle catene di montaggio provocasse alienazione della psiche, e disturbi motori negli operai stessi. 

2 pensieri su “Modern times

  1. Che lavoro allienante…
    Ma va bhè almeno ho capito quello che fai dall’altro blog nn riuscivo a capirlo…Va bhè significa che ho il cervello fuso anche io…
    Ale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *