The Nexus One

E così Google ha appena finito di presentare al mondo intero il suo primo telefono, il Nexus One.

Basato sulla versione 2.1 dell’Android, con alcune piccole novità, anticipate dalla build montata sul Motorola Droid (Milestone per noi europei).

Ammetto di non essere molto impressionato.

Dimensioni simili all’iPhone, una fotocamera decente (5mpx con flash LED), UMTS/HSDPA, schermo touch da 3,7″. Interessanti i dati sull’autonomia diachiarata, poi si dovrà vedere alla prova dei fatti.

Eppure la cosa fondamentale dovrebbe essere il software, più che l’hardware (o il design, nulla di che).

Una forse è la feature interessante (a parte il Google Earth, gli sfondi animati – !? – e il meteo minuto-per-minuto): il riconoscimento vocale attivabile in ogni imput di testo. Non solo nella navigazione, come sul Motorola Droid, ma anche su sms, mail, nelle app. Riconoscimento svolto non dal telefono ma inviando i dati al server.

Tutto il resto, bah, si è già visto. Oppure è solo leggermente più bello graficamente.

Ah, lo slide to zoom è ridicolo, ai tempi delle gesture multitouch.

Ah, la trackball a tre colori se la potevano pure risparmiare.

Un pensiero su “The Nexus One

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *