82 – eppure

Avevo in mente un bel post da scrivere per oggi, di quelli con un sacco di cose da dire.

Ovviamente mi son detto “lo scrivo dopo”.
Ovviamente non mi sono segnato nulla.
Ovviamente adesso non mi ricordo più cosa volevo dire.

Forse parlare delle corse folli della giornata di ieri e di quanto sia bello alla fine arrivare a risultati concreti ed essere soddisfatti del proprio lavoro.

Forse parlare di ben altro, ma non ricordo.

Fatto sta che io, ieri sera, prima di crollare morto sul letto e prima di addormentarmi dimenticando persino la luce accesa, mi son reso conto – per un istante – di essere sereno.

E anche oggi, anche adesso, nonostante la stanchezza, le troppe ore di lavoro, gli imprevisti, le bidonate, mi sento sereno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *