Coming out social

Dopo giorni di contenuti futili e inutili, finalmente qualcosa che giustifichi quel “me” di “Me or not?”.

Giusto perché in realtà il mio coming out in effetti è stato solo un outing forzato da finti amici che hanno spifferato blog e account twitter ai miei cari genitori (o almeno, questa è la versione ufficiale), ho deciso, ora, di fare qualcosa, di ben peggiore.

Un coming out su Facebook a mezzo spam del gruppo e dell’evento della fiaccolata di domani a Milano.

Perché sinceramente il “proteggermi” dalle possibili malelingue è decisamente ridicolo e assurdo in confronto al tacere un’evento così importante, per noi, per i nostri cari, per i nostri amici.

E ora cari adorati falsi amici delle elementari, medie, superiori, università, vicini di casa, lontani parenti, gente della parrocchia e dell’oratorio, esimi colleghi (e capi?) e faccine che non ho mai visto dal vivo, sta a voi.

Sinceramente, me ne frego e vado dritto per la mia strada

Ma, sinceramente, me ne frego e vado dritto per la mia strada.

12 pensieri su “Coming out social

  1. Se le persone non hanno null’altro da fare che stare a criticare te per le tue scelte, mandali a quel paese!
    Fregatene e vai dritto per la tua strada, i veri amici rimangono in piedi, qualsiasi cosa succeda.

    Almeno così scoprirai chi ci tiene veramente a te!

    Da MrSlash…hai pieno supporto morale! 😛

  2. Grazie, MrSlash 😉

    Per quel che riguarda le persone… è il bello del piccolo paese. Sarò il loro scandalo per qualche giorno e prima o poi si dimenticheranno di me o capiranno quanto sono piccoli.

    Ma ormai vale la pena tirare dritto, coerentemente con quello che sono.

    [e mi raccomando, ti voglio attivo su poliving, dobbiamo riuscire a farlo decollare :D]

  3. io non so se avrei il coraggio da lanciare una dichiarazione “mediatica” a tutti pero devo farti i complimenti, dimostra che hai carattere e che vai dritto per la tua strada.

    Hai il mio sostegno 🙂

  4. Soltanto io sono sorpreso perché pensavo che la cosa fosse già “pubblica”? mai dare nulla per scontato …
    Allo stesso tempo tu non dare per scontato che troverai solo difficoltà, e poi scoprirai quanto la cosa ti farà sentire più forte e più libero

  5. Era relativamente pubblica.

    Tra gli amici più cari, i (dolenti) genitori.

    Tutti i conoscenti invece no. Classica politica del don’t ask don’t tell.

    Ma non mi andava più 😛

  6. Leggo solo ora la vicenda!
    Hai fatto solo che bene… e ti abbraccio!

    Ps: che bello essere anche io virtualmente nel post ^^
    [leggasi: facebook dipendente ahahah]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *