Cose che si imparano il sabato sera, tentando di uscire

Lasciare una giacchetta in macchina perché si sa mai che venga freddo all’improvviso e mi serva è da maiali.

Non trovare il proprio ombrello perché qualcuno l’ha tolto dalla macchina e prenderne uno a caso dal portaombrelli, tranne poi scoprire che è proprietà privata, attribuisce al proprietario il potere di mandarti afk.

Sapevatelo.

6 pensieri su “Cose che si imparano il sabato sera, tentando di uscire

  1. No, era sabato. Che venerdì non c’era tempo di discutere, che ero quasi in ritardo per arrivare da te, che poi dovevamo andare a Mi… Non che poi sabato avessi così tanto tempo da buttar via, ma vabbè…

  2. aaaaaaah
    ma era per gli oggetti mancanti in venerdì.
    sabato sera avevi la giacchetta indosso, o era un’altra comunque non ti sarebbe servita quella in macchina.

  3. Forse non sono abbastanza sveglio per cogliere i significati reconditi, ma non capisco perché il pt. 1 sarebbe sa maiali. Io di solito esco sempre vestito super-leggero e poi piango lacrime di coccodrillo. Quindi in definitiva proporrei un hip hip urrà per Lore.

    PS: Un saluto anche a Sandra/Bybbino, quello sempre…

  4. Sandra?

    comunque, ad intuito, credo il problema della giacca in macchina, fosse che lui la porta lì, e li la lascia anche per qualche settimana, ben piegata sul sedile posteriore o sulla cappelliera. e a loro questo non sta bene. se ogni giorno, lui la prendesse dal cassetto, e la caricasse in macchina quando parte, per poi riporla nel cassetto tutte le sere, la cosa sarebbe accettabile. altrimenti no, sarebbe un disordine, un porcile, quindi un comportamento da maiali.

    credo. nella ricostruzione intuitiva dell’affermazione.

  5. Oddio!!!
    Io devo essere proprio una suina allora, dato che sul sedile posteriore di Galatina, non troppo accuratamente ripiegate trovano spazio una giacchina di cotone, un impermeabile ed un coprispalle, oltre alle cianfrusaglie del momento ^_^
    Del resto preferisco andare via equipaggiata per ogni evenienza 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *