Fate come se

Rieccomi.

Esame dato. E tutto sommato era decisamente meno peggio del previsto. Ora, non dico che prenderò un 30 (anzi, lo escludo proprio), però ci sono riuscito. Ho fatto la ricerca, sono riuscito a sostenere l’esame, per quanto lungo e pesante.

E ricordate il post di ieri?

Bene.

Dall’alto del mio lunaticismo, dimenticatelo.

Perchè ora, superato in qualche modo l’ostacolo, sono di nuovo come al solito.

Certo, ci sono sempre le tavole e le consegne, ma ora che il fardello se n’è andato sembra tutto più facile (fino al prossimo accumulo di consegne, ovviamente).

Ma, bene o male, è un pensiero comune. Su Facebook, il gruppo del primo anno ha organizzato per domani sera un’uscita. E oggi qualcuno si è portato i rifornimenti da casa (vino e limoncello) per festeggiare alla fine dell’esame.

Cose pazzesche, mai viste nella mia precedente (e tristissima) carriera universitaria.

Eppure nulla mi toglie l’impressione, anzi, la certezza, che questa è una vita completamente diversa.

Uoooh oh oh ohhhh

6 pensieri su “Fate come se

  1. Voglio saperti ubriaco fino allo sfascio domani alla festa 🙂 e no, “brillo” non mi basterà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *