Serate e serate (e i soliti pensieri a vanvera)

Ecco, lo ammetto.

È proprio un bel periodo. C’è la fatica dello studio e dell’uni. Però mi sto veramente divertendo.

Sto passando degli ottimi momenti con persone a cui tengo veramente moltissimo, sto conoscendo nuovi aspetti di altre e approfondendo amicizie.

Mi sento fortunato per aver avuto l’opportunità di fare certi incontri e sono contento di come sto affrontando ultimamente le situazioni: ci si butta e via. Se va bene va bene; al massimo ci lecca le ferite ma almeno non rimane il rimorso del non aver tentato.

E poi io adoro Milano. Mi piace, di notte. Mi piace guidare ed è una bellezza quando scopri che allontanandoti dalla solita strada scopri quartieri meravigliosi.

Quando all’improvviso ti trovi davanti ad Altra Sede o ti sbuca un Pirellone illuminato. E poi via, nel traffico della notte, passando per strade deserte e strade piene di vita.

E comunque, cara, ancora auguri, che senza di te questa bella serata non ci sarebbe stata.

2 pensieri su “Serate e serate (e i soliti pensieri a vanvera)

  1. Milano e’ una citta’ fantastica… magari non nell’insieme… ma negli scorci, negli angoli, nelle vie meno affollate che essa offre… e, vero, soprattutto e’ bellissima di notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *