Pelucchi

Ora.

Non più di 4 giorni fa mi è arrivato il mostriciattolo.

La tanto desiderata Canon EOS 450D.

Bene.

Ora mi sono accorto che nel mirino c’è quello che sembra un pelucco, leggermente sopra il punto sinistro di messa a fuoco.

Ovviamente, non è sull’obiettivo, visto che pur togliendolo, si vede comunque. Non è sul sensore, perché con la pulizia automatica sarebbe dovuto andare via, no? E in ogni caso, in foto non viene.

Quindi è sicuramente da qualche parte all’interno del mirino ottico. E non so come cavolo fare a toglierlo (sempre che sia un pelucco) senza fare danni.

Sgrunt.

E in ogni caso, qualcuno mi spiega come ha fatto a penetrare lì, all’interno? L’obiettivo non l’ho mai staccato in questi 4 giorni di scatti compulsivi. E non dovrebbe essere tutto sigillato!? E perché sono così sfortunato? ;-(

Ma soprattutto, vero che è un pelucco e non una micro-rottura di uno degli specchietti? Bwwwaaaaaaaa

10 pensieri su “Pelucchi

  1. l’ho visto, e sembra proprio un pelucco.

    e considerata la sua microscopicità, e la sua posizione, potresti anche cercare di resistere più stoicamente.

    comunque, ci sarà sicuramente un servizio, assistenza clienti, telefono, manda una mail, chiama un esorcista di pelucchi.

  2. Appurato che al 90% delle possibilità è all’interno del mirino, che è inaccessibile dall’esterno, l’unica soluzione è mandarla in assistenza. Ma leggendo sui forum, dicono di resistere stoicamente. Mica che tolgono il pelucco e distruggono qualcos’altro…

    Sgrunt!

  3. è ovvio che se devono smontarla per togliere un pelucco, minimo lasciano un impronta digitale sul lato interno del vetro.

  4. EOS?!

    Quante coincidenze..

    Benchè siano 2 cose diverse.
    Ma che bel nome. Quanta armonia in esso, no?! 🙂

    Squoti la macchina, magari il pelucco si muove.
    Come è entrato, così si potrà anche spostare, no?!

  5. Potevi dirmelo venerdì… per ben due anni della mia vita ho venduto macchine fotografiche… le ho smontate pulite analizzate….
    cmq il consiglio che ti dò è di trovare uno di quei vecchi negozi di fotografia con dentro quegli omini invecchiati insieme ai rullini fotografici, e chiedere un consulto.
    Nel 99% dei casi potrebbe essere un pelucco ma ti lascio il dubbio di uno sfriso… cosa abbastanza frequente. Se tu volessi fare il caga minchia dovresti restituirla chiedendo la sostituzione… sei ancora nei famosi 7 giorni? io fossi in te lo farei, in quanto solitamente i fotografi o centri di vendita non fanno altro che prendere il pezzo e lo mandano alla casa madre senza troppe paranoie, chiaramente devi essere fermo nella tua decisione.
    se hai bisogno chiamami… bacio

  6. Oggi scadono i 7 giorni… ma non erano 10?
    In ogni caso.. boh, vabbè, mi ci abituerò. Non posso separarmi dal mostriciattolo proprio ora!

  7. buongiorno. l’assistenza dura un anno. io l’ho portata a pulire undici mesi dopo e me l’hanno fatto in garanzia (dopo aver attraversato tormente di sabbia) quindi tranquillo.
    ora. se il problema è nel mirino come dicevano gli etruschi ‘stai carmo’. hai fatto molti più danni togliendo l’obiettivo, fidati. un fantastilione di particelle di polvere sono entrate e – prima o poi – si aggrumeranno e le vedrai lì. però. la cosa bella di questi aggeggi è il loro resistere alle incurie del tempo. altrimenti non potresti mai usarli in una giornata ventosa, o in spiaggia, o nella nebbia, o bla bla bla.
    evita come la peste la bugattola del fotografo anni 20. quelli prendono un pannetto e ci strofinano il CMOS. evita.
    prenditi un po’ di valium. in caso. e fa qualche foto. e pace. 🙂

  8. Ho trovato il soffiatore del kit del perfetto fotografo di mio padre. Smontato l’obiettivo e soffiato con molta delicatezza. Il pelucco è sparito!
    Cmq mi sa che opterò anche io, all’undicesimo mese, per il viaggetto/pulizia 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *