Siti archeologici (del governo* italiano, in realtà)

Stavo facendo indagini sulla questione wifi libero/legge antiterrorismo per il post precedente.

E sono incappato nel link del pdf. Bello bello, lo clicco, sapendo però già che capitò ben poco del testo della legge.

E invece mi ritrovo davanti una pagina che capisco ancora meno ad un primo sguardo che recita così:

Errore 404: Pagina non trovata

Se il documento che state cercando è precedente all’8 maggio 2008 vi invitiamo a cercarlo nell’area “Siti archeologici” di Governo.it.

Oppure utilizzate il nostro motore di ricerca o la mappa del sito.

Ebbene sì! Se il documento è precedente all’8 maggio 2008, devo andare nell’area archeologia del sito del governo*. Un’area in cui sono presenti i link ai becchi portali, ognuno (sembra) perfettamente funzionante col proprio motore di ricerca interno.

Ma dico io. Ma siam pazzi!? Archiviare interamente il vecchio sito? Poi.. vecchio! Risale al 2007 ed è stato archiviato a maggio 2008. E quello precedente era del 2006 ed è “vissuto” un solo anno. Perchè i siti vecchi vengono completamente archiaviati e non c’è una funzionalità di ricerca per trovare le informazioni, anche quelle vecchie, in modo facile e comodo!? Perchè se cerco qualcosa di vecchio devo vedermelo con la vecchia, antiquata, scomoda e brutta grafica?

Ma dico io, cambiano la grafica e già che ci sono cambiano tutto il motore che ci sta dietro, quindi vengono “persi” tutti i contenuti!? Tanto, cosa vuoi che costi rifare tutto il sistema dietro ad un portale del genere. Tanto di soldi, in Italia, ne abbiamo!

E a questo punto, se non sono in grado di fare un sito dinamico serio, che passino a WordPress, che almeno è gratis, trovano un sacco di nuovi theme e non c’è mica bisogno di archiviare i vecchi siti!

 

* sì, lo so, governo si dovrebbe scrivere con la maiuscola. Ma, mi spiace, non la merita.

Un pensiero su “Siti archeologici (del governo* italiano, in realtà)

  1. riprova e controlla: stai parlando del sito del governo italiano?
    italiano hai detto?
    e di cosa ti stupisci?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *