Quando un HD fa cadere i buoni propositi

Proprio qualche giorno fa, sull’altro io digitale che ho qui online, stavo giusto parlando, tra le varie cose, di come, in questo periodo, non me ne frega proprio nulla dell’avere, del volere questo e quest’altro. Perchè non mi servono, sono inutili. E mi basta quel che ho. E quello che possono offrirmi coloro a cui tengo molto.
Eppure oggi è successo. Come mio solito, ho cambiato idea nel giro di pochissimo tempo. Mi è bastato vedere un’immagine. E tre lettere. R. E. Z. Seguite da un HD.
Già. Rez, geniale gioco di Tetsuya Mizuguchi. Quello di Luminees e Meteos. O, ancora prima, quello di Space Channel 5. Un gioco del 2001. Che ho, che ho giocato e che gioco ancora su ps2. Un gioco che mi ha stregato. Con l’arte che sprigiona ad ogni inquadratura. Un’arte astratta, futuristica, semplice. Un arte che mostra un mondo che si evolve, di livello in livello (5, in realtà). Un gioco che ha osato. E di fatti ha venduto ben poco. Ma quei pochi che lo conoscono, lo apprezzano. Il viaggio verso la Synestesia. L’appagamento dei sensi: la vista, l’udito, il tatto. Perchè in Rez, tutto è collegato. Quel che succede nel mondo digitale da salvare, si riflette sul video, sul sonoro, sulla vibrazione rilasciata dal controller.
Ed ora, questo mio mito del passato è tornato in vita. Anzi, a nuova vita, nello splondore dell’alta definizione in modalità panoramica e con un sonoro in dolby 5.1, grande assente della versione per ps2. Nessun’altra aggiunta. Il gioco è quello.
Ma lo voglio. Voglio immergermi ancora una volta in quest’avventura immerso nel suono del dolby. Ma per farlo, avrò bisogno di una xbox e del Live Arcade. Il che significa comprare. Doh!

Rez è un viaggio. Non uno sparatutto, nè un rhythm game, men che meno un’avventura, ma un trip lisergico ideato da Tetsuya Mizuguchi durante il periodo d’oro di Dreamcast. Il fascino di Rez sta nel fatto di essere stato, ed essere tutt’ora, un gioco clamorosamente contrario alle logiche commerciali, un esperimento artistico ed estroso dettato da quel coraggio di osare e sperimentare che aveva reso Sega così amata dalla community di videogiocatori. Una politica, questa, che purtroppo non ha pagato e che, accompagnata ad una serie di decisioni poco lungimiranti, ha portato alla morte e sepoltura di “quella” Sega.

Un pensiero su “Quando un HD fa cadere i buoni propositi

  1. OOHHHHH,NOOOOO
    Mi ricordo di quel gioco!!!Non ti ricordi la vancanza fatta a casa in montagna di Ciccio? Tu avevi portato la ps e ci avevamo giocato per ore!!!Non l’ho mai trovato nonostante l’abbia cercato a lungo!!!E ora tu dici che esiste la nuova versione!!!LO VOGLIO ANCHE IO!!!!! Ma mannaggia è per la xbox…uff uff
    Ale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *