Tutto è simmetria

Nel mondo del design circolano tante leggende. Altrettante urban legends circolano sul conto di Apple e di Steve Jobs, suo fondatore dall’enorme carisma, capace di aver risollevato l’azienda dalla crisi che l’aveva colpita e di averla guidata per un cammino che l’ha resa pioniera dell’indistria informatica, del design, della musica e del cinema.

Un CEO con un seguito enorme di fan, protagonista di storielline e anedotti e di numerose satire, Re Mida del 21° secolo. E una delle storielle in voga in questi giorni sulla rete è la sua – presunta – fissa per la simmetria e il design.

Preparatevi.

Due viti del pannello laterale sinistro del MacBook sembrano allentate e danno l’impressione che tale pannello non sia ben saldato al resto del computer, come se le viti si fossero spanate e non aderiscano alla filettatura interna.
E ora entra in gioco la leggenda: sembra che gli ingenieri si siano presentati da Jobs con un propototipo del portatile…

Con leggerezza Steve prese il nuovo MacBook, lo capovolse e, indicando la vite non centrata, disse “mettettela al centro”; dopo guardò entrambi i lati del portatile e disse “mettete due viti su questo lato” e allungò il MacBook al team… senza… neanche… aprirlo. 

Così gli ingenieri hanno inserito le 2 viti sul pannello laterale sinistro per nude e crude ragioni estetiche e senza una precisa funzione di fissaggio. Però già che le dovevano inserire..non potevano usarle per fissare meglio il pannello? E la questione simmetria è però relativa, visto che che su un lato ci sono tutte le porte di connessione, sull’altro la fessura dello slot-in del drive cd.

Sottigliezze a parte, sembra che tale leggenda sia confermata. Non solo dai Mac Genius degli Apple Store americani, ma anche dallo stesso design di alcuni negozi: il quadro elettrico è di solito posto nella parte sinistra del negozio, ma ha una sua controparte (ovviamente non funzionante) simmetrica sulla destra.

Da tutto ciò emerge quindi la figura di uno Steve Jobs ossessionato dalla simmetria. Oltre che con una cura maniacale per il design (ma Ive.. fa qualcosa in quell’azieda, o ritira solo i premi?).
Leggenda? Realtà? Nel frattempo le parole del CEO qualche dubbio lo insinuano..

Nel vocabolario della maggior parte delle persone, design significa rivestimenti in legno. Significa decorazione d’interni. È la scelta del tessuto per il copridivano. Per me nulla è più lontano dal significato di design. Il design è l’anima fondamentale di ogni creazione dell’uomo che finisce per esprimersi in consecutivi strati esterni del prodotto o del servizio offerto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *