Due stagioni di 24 ore

Come avevo già scritto, sono arrivato alla fine di una strada. Sono riuscito a mettergli un cartello di divieto di accesso per auto convincermi che non è fattibile proseguire e sono convinto che sia la cosa giusta. Sono bastati qualche piccolo passo indietro, una breve pausa di riflessione di famiglia e qualche aggancio che – purtroppo – in Italia serve sempre.
E così, mi trovo a 48 da un momento importante. L’ingresso in un mondo tutto sommato a me nuovo, in cui devo dimostrare, con umiltà, quel che sono capace di fare. E imparare tutto l’imparabile.
Eppure ho paura. Ho tanta paura.
Perchè è un momento definitivo.
Definitivo per i sogni e le speranze che altri riponevano in me.
Definitivo perchè indica la sconfitta che ho subito.
Definitivo perchè fa diventare il mondo dei miei sogni e delle mie speranze decisamente più tangibili e meno illusorie.
E fa paura. Proprio perchè prima erano miei sogni, che modello a mio piacere.
Ora diventa realtà, in cui io sono solo una delle tante, troppe comparse. In cui il mio ruolo potrà essere solo marginale e poco importante.
Mi obbliga ad uscire fuori dalla corrente da cui mi sono lasciato trascinare (tranne poi criticare e incolpare altri, quando potevo) e nuotare per conto mio.
E mi obbliga a scegliere.
Perchè ora si parte. Con tre mesi.
Tre mesi che, probabilmente, influiranno pesantemente sul mio futuro.
Potrebbero offrirmi un lavoro e uno stipendio per il prossimo futuro.
Potrebbero portarmi verso un nuovo percorso di studi.
Potrebbero farmi capire che è meglio che il mio sogno rimanga un sogno e trovi un’altra strada se voglio pensare di sopravvire.
Paura.
Paura e pessimismo.

2 pensieri su “Due stagioni di 24 ore

  1. Beh…ti capisco perché anche io mi trovo intrappolato in una situazione simile. Intrappolato è l’aggettivo giusto, perché ti senti come in gabbia, in viaggio verso una destinazione che non conosci e che non vuoi raggiungere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *