Suonare Bikkembergs

Non ho resistito.
Ho suonato, sono sceso al piano di sotto, ho temuto che non ci fossero più, ma invece c’erano. Ultimo numero. Il mio numero. Yes!

PS: è vero, senza la foto del citofono questo post non ha molto senso. Mai c’era davanti un cavolo di uscere che non mi ha neanche aperto la porta. E non mi piaceva mettermi lì davanti a lui e fare la foto. Ho aspettato che se andasse. Ma niente, era sempre lì.

PPS: del calciatore che vive lì, neanche una traccia. Solo alcune cornici con delle sue foto e degli abum fotografici aperti, disseminati in giro per la casa/vetrina

5 pensieri su “Suonare Bikkembergs

  1. COSAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA?!?!?!

    E hai pure il coraggio di scriverlo?!?!?!?!?!?!
    Perchè quando sono venuto io era chiuso?!

    Disdetta
    Grrrrr…

    Io domani prendo il treno, vengo a MIlano e faccio una strage! 🙂

  2. Poto vuole fare una strage di calciatori del Fossombrone?

    un Poto in ogni spogliatoio?
    (senza malizia, né!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *