The new President

Bene o male, vista dall’altra parte dell’Atlantico, era un personaggio che comunicava fiducia, ispirava simpatia e speranza.

Tutto il contrario del suo oppositore e della sua -lasciamoperderecosa- vice.

Lo davano per favorito.

E sembrava troppo bello per essere vero.

E l’America ha assolto il suo dovere democratico, votando, ieri.

E l’America ha scelto lui.

Barack Obama.

Brava America.

E ora c’è speranza e fiducia per quello che farà, per come gli USA riuscirà ad influenzare il mondo, per come gestirà le patate bollenti lasciategli da Giorgio Cespuglio.

Yes, we can.

Sì. Tu e gli USA ci sieti riusciti.

Complimenti

3 pensieri su “The new President

  1. giorgio cespugli?

    ma chi è?
    ah, il vecchio amante del collo di bottiglia, quello che soffoca tendando di mangiare i salatini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *