È che a volte, la vita vera ritorna a far capolino

Perché qui, anche se a volte si parla solo di Mele, GaGa, si copiano incollano cose figose sul design, in realtà la vita va a avanti.

Va avanti, come al solito, anche se uno la vuole un po’ lasciare fuori da queste pagine bianche e magenta.

E uno la vuole lasciare fuori perché come al solito non bastano mai le lacrime, la rabbia, la tristezza e quel senso di spaesamento di essere a casa e non sentirsi a casa.

Perché ti scontri con un muro che non vuole sentire le tue ragioni, che ha deciso che la tua è la scelta (come se fosse sbagliata), che porta dritta all’inferno.

Perché quando fai notare che qualcuno ha detto queste parole, parte a rinnegare, ad accusarti di essere matto e di avere inventato tutto.

Ti accusa di esserti allontanato e di non parlare più. Ma lo so, è voluto. E li avevo avvisati. Dopo mesi insopportabili li avevo posti davanti ad una scelta, sperando che almeno quello li spronasse in qualche modo.

O mi accettate per quello che sono, o non saprete più nulla di me.

E invece niente, mi sono sbagliato.

Qui si pretende di poter non accettare un figlio e che continui a comportarsi come tale.

E nel calderone delle cose oscene fatte dal figlio genero, tiri pure in ballo la copertina di un libro (Trueblood nello specifico). Come la copertina di un libro dicesse tutto.

E a me partono i problemi, le ansie, i brutti pensieri, le lacrime.

Perché se prima c’è una gola dolorante per il troppo urlare, dopo c’è solo un silenzio straziante che trafigge il cuore. Un silenzio pieno di lacrime che prendono e cadono, sopra ogni cosa.

E si vuole prendere e scappare da questa realtà.

In tutti i modi, veri o fantastici che siano.

5 pensieri su “È che a volte, la vita vera ritorna a far capolino

  1. Quando ho finito di leggere questo post ho sentito una vocina nella mia testa che scandiva “Organizza la cena! Organizza la cena!”.
    Vedrò di accertarmi con anticipo che i miei se ne vadano presto un fine settimana. Urge una bella giornata di stand-by tra tanti amici che ti vogliono bene e ti accettano così come sei (copertine di libri comprese) e taaanto relax!!!
    Coraggio tesoro, tanti tanti tanti baci coccolosi!!!

  2. Ogni parola sarebbe superflua in questo momento…
    DForse scaricarti un po’ con chi ti dice (vedi sopra) che vorrebbe aiutarti di più sarebbe una buona cosa…
    Insomma: questo Byb, sfruttiamolo, no?! 🙂

    Un abbraccio forte…

  3. Come al solito quoto Potino nostro. Poi vorrei dirti che queste cose, viste da una prospettiva temporale diversa e più lontana, ti renderanno più forte e consapevole, anche se sottopelle un po’ di tristezza probabilmente rimarrà sempre. Ma le cose sono andate così e non puoi farci niente. Almeno fino ad ora… Non so, magari potresti pensare a una soluzione costruttiva, lasciando da parte orgoglio e recriminazioni. Purtroppo non ci si può scegliere la famiglia e, per quanto ti e ci possa sembrare assurdo, non deve esser facile neanche per loro.
    In bocca al lupo e viva viva il rosso magenta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *