Twitter fa le pentole, ma non i coperchi

  1. Chi non muore, twitta. – Soprattutto i giornalisti e coloro che devono promuovere qualcosa. È un modo per mettere una maschera “social” ad una compagnia senza faccia.
  2. Twitter fa le pentole, ma non i coperchi – Una volta che twitti una cosa, è indelebile dal sistema, non importa quanto mette a rischio la tua vita!
  3. È meglio un twitter oggi, che un giornale domani – O meglio: la velocità è essenziale. In termini di notizie Twitter è piú immediato di qualsiasi altra agenzia di stampa, notabile l’esempio del terremoto avvenuto in Cina l’anno scorso, in cui molte persone hanno twittato durante la scossa.
  4. Chi la fa, la twitti. – Ma che sia interessante e originale! Non siate avari di informazioni, sempre tenendo conto, come ci spiega Lopp, del perché…se no non ce ne ne frega niente.
  5. Chi ha Twitter, non aspetti follower – È essenziale comunicare con loro, e non aspettare che leggano, assorbano e siano interessati ai tuoi aggiornamenti.

Via Wired.it

1 pensiero su “Twitter fa le pentole, ma non i coperchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.