Archivi categoria: Senza categoria

Brutti ricordi

Non so perché ho deciso, in questo non sapere cosa fare di questi pochi giorni di ferie che sono riuscito a strappare, di tornare qualche giorno al paesello, a casa dei miei.

Fatto sta che sono al paesello, a casa dei miei.

Stavo cercando delle magliette nell’armadio e ne ho tirata fuori una che non vedevo da ormai 12 anni.

Mia madre, che era lì dietro, riconosce la maglietta ed esordisce con un “brutti ricordi”.

Ho fatto finta di nulla, rimesso la maglia dove l’avevo trovata e alla fine ho trovato quello che cercavo.

Il problema è che ora sto ripensando a tutto quello che c’è dentro quel “brutti ricordi” e a cosa si riferisse.

La maglia è il ricordo di una vacanza per me bellissima, che ha significato tante cose.

Il brutto, per me, è iniziato dopo, rientrato a casa. Complice l’outing che qualche amico o amica, forse non così tanto amico o amica, ha fatto nei confronti dei miei e tutto quello che ne è seguito.

Le crisi in famiglia, le litigate, le remote speranze completamente infrante che avrei potuto parlare di me serenamente con loro e trovare persone umane e comprensibili davanti a me, la voglia di scappare o trovare un modo di farla finita, le visite dallo psicologo perché ritenuto malato.

Gli anni, ormai 12, che intanto passano. Un argomento in puro stile don’t ask don’t tell che non viene più toccato per non soffrire ulteriormente, per stare ancora tranquillo.

E ora boom.

“Brutti ricordi”.

Il mio non dire niente sul momento ora si sta trasformando in un fuoco di rabbia interiore, sul perché per l’ennesima volta non sia in grado di affrontare le cose e chiedere cosa volesse dire con quel “brutti ricordi”.

E mi sto facendo del male immaginando le possibili risposte e le possibili motivazioni di quel “brutti ricordi”.

E non riesco ad immaginarmi un riconoscimento di quanto si siano comportati male, ma solo il fatto che anche dopo 12 anni di silenzio ancora non mi accettino.

E la voglia di litigare, urlare, andarmene subito e tagliare i ponti una volta per tutte è di nuovo fortissima.

Ma non si può fare, perché non mi conviene. Perché sto facendo affidamento a loro per non pagare più un affitto e perché il taglio di ogni ponte emotivo potrebbe equivalere al taglio di quel supporto economico necessario per far fede a impegni contrattuali ormai presi.

E quindi, ancora una volta, mi ricordo di essere di nuovo in prigione. Grazie a due semplici parole.

Hello, again

Non so perché ma oggi sono tornato su questo blog, nell’admin e nell’editor.

Ho scoperto che un vecchio vecchissimo template, quello che avevo scritto io, con le mie manine, ormai non so quanti anni fa, funziona ancora, tranne qualche piccola funzione, senza grossi problemi.

E ho aggiornato tutto il blog all’ultima versione di WordPress, un po’ inconsapevolmente senza avere la certezza di avere un backup completo o meno, e quindi sono approdato finalmente a Gutenberg.

Anche qui, pare tutto funzionare. Tutto un po’ diverso, tutto più nuovo.

Però lo scopo di questo spazio non c’è quasi più.

Quindi, chissà quando altro ci scriverò qualcosa.

32 + una casa

Una tripletta di Late Late Birthday Party.

Due pizzate, un late brunch (in cui sono riuscito a cavarmela benino, senza avvelenare la gente, nonostante le mie inesistenti capacità in cucina. Oppure ho degli amici bravissimi a mentire).

Una tripletta che è anche una doppietta di inaugurazione della casa.
Una casa che adesso, finalmente, sembra quasi finita, quasi a posto.

Una casa che, adesso, sento veramente mia.

Una casa che mi ha confermato di essere ancora più bella quando è piena di amici, tra cibi, infinite chiacchierate, risate e giocate con (e anche incredibilimente SENZA) pad in mano.

Ma è anche la conferma che ho la fortuna di avere degli amici fantastici.

E non è solo per i regali bellissimi e apprezzatissimi, per quanto differenti tra loro.

È la conferma di avere amici che mi ascoltano, mi conoscono e mi capiscono, al netto delle mie insopportabili manie, ossessioni e degli infiniti difetti.

E forse questa è la cosa più importante.

Grazie a tutti.

In realtà 

Quasi per abitudine sto rispondendo troppe volte che ‘massì tutto bene’. 

Invece dovrei fare pace con me stesso e decidermi ad ammettere che non va tutto bene. 

Anziché andare avanti, mi sembra di essere fermo o addirittura tornare indietro. 

La perdita di una qualche forma di autonomia conquistata duramente, il rientro in una realtà da cui alla fine ero scappato perché c’erano problemi inaffrontabili. E alla fine eccomi qui, esattamente come due anni e mezzo fa. 

C’è addosso una stanchezza inspiegabile che sembra non voglia andarsene e il tutto è esasperato dall’impossibilità di poter gestirmi senza dover render conto a nessuno. 
Pensavo che il rientro potesse essere un’occasione per affrontare certi problemi. Invece non vedo dall’altra parte la voglia di farlo e tutto viene lasciato così com’è. 

E la cosa è l’ennesima cosa che mi fa stare male. Ed è brutto pensare che l’unica soluzione sia di mettere ancora dei km tra noi e sentirsi per quelle cose inutili tipo l’aver fatto la spesa o la lavatrice. 
Però, that’s it. 

Nostalgia di qualcosa che invece è ancora qui

Non so perché ultimamente mi viene da scrivere solo quando la malinconia mi pervade.

Forse è colpa di questi giorni di tranquillità in casa, in questo appartamento così bello che però non sono riuscito a sfruttare fino in fondo.

Così sono sul divano e guardo intorno e vedo quelle mensole cariche delle mie passioni, quel bellissimo tavolo rotondo, la sala luminosa e spaziosa.

Ed è assurdo, ma inizio già a provare un po’ di nostalgia, sempre se si può definire così, ma anche un po’ di paura per quello che arriverà poi.

E un altro Natale è andato

C’è questa cosa che vedo tutte le vostre foto su Instagram di tavole imbandite, cenoni da 50 persone, alberi di Natale strabordanti di luci, decorazioni, regali.

 

Ecco, io no.

È un po’ più faticoso e solitario. Non c’è così tanta atmosfera, così tanta gente, così tanti soldi spesi in regali, così tanti filtrini per l’Instagram.

Persino vedere gli amici di sempre una volta tornato al paesello è stato un po’ problematico, tanto che la voglia di rientrare subito a casa mia è stata tanta tantissima.

Però poi c’è stato quel pacchettino Amazon arrivato dallo UK, quei messaggini con quelle persone che ci si perde sempre di vista, quel paio di buone notizie in arrivo.

C’è stato un po’ di tempo per riposarsi e ricaricare le energie sul divano e sotto le coperte. E iniziare a pensare a quello che succederà tra un paio di mesi e a tutto quello da pensare e preparare per evitare di arrivare così tardi e all’ultimo. Ma poi si vedrà.

2016, confido in te, sai?

La prima domenica dei miei 30 anni

C’è tanto da dire su questa domenica.
Perché è stato il primo festeggiamento per questi 30 anni che sono ormai giunti.
Perché avevo a casa le persone del paesello a cui tengo di più e con cui nell’ultimo anno ho fortificato tantissimo il rapporto, con buona pace di quelli che no, gli pesa veramente il culo a venirmi a trovare o anche solo rispondere agli inviti.
Perché ho visto di nuovo il mio salotto pieno di sorrisi e di risate.
Perché adesso finalmente, con 40 metri di cavo e innumerevoli stick di colla a caldo, ho anche le casse posteriori del sorround funzionanti.
Perché il tempo è volato via veloce e prima era ora di merenda e poi subito di aperitivo che è diventata una sfiziosa cena con un sacco di cose stuzzicanti.
Perché la mia pasticceria preferita si è confermata tale: chiacchiere per merenda, una torta con 3 mousse di cioccolato e pasticcini vari buonissimi. Tanti soldi, ma decisamente ben spesi.
Perché adesso sono a pezzi ma contentissimo.

Pre-Natale

C’è che in effetti l’ultima settimana è stato un incubo, letteralmente.
Però ci sono state le serate a risollevare il morale: quelle a casa a dormire, quelle con gli ex-colleghi a ballare fuori dal tempo, quelle con gli attuali colleghi a mangiare hamburger e poi il weekend, con vari esperimenti di muffin falliti miseramente, una bellissima cena di Natale con troppi video in hyperlapse balli in Just Dance e un bel film in compagnia di altri amici.
E per quanto l’umore non sia per nulla stabile, ho la fortuna – anche se non mi basta mai – di avere un buon gruppo di amici, anche se inizio a sentire un po’ il peso dei chilometri che ci separano.