3 – Propositi

Tutto è riassunto in questo video:

Mi rendo conto di essere troppo attaccato al telefono, soprattutto quando sono fuori con altri. Perché già di base c’è il check-in da fare, la foto da instagrammare, il tweet da scrivere con l’hashtag giusto. E poi ci sono i messaggi, le notifiche, le mail in push. E poi fai una cosa, ti capita di tappare su facebook e dici “leggo 3 secondi e poi chiudo”.

Ed è troppo, in effetti. E mi son reso conto che lo trovo fastidioso, soprattutto quando io non potrei fare lo stesso (vuoi perché impegnato alla guida o perché – banalmente – il mio è scarico).

E forse, forse tutto ciò non ha senso.

In ufficio è venuta fuori una bella discussione a riguardo. M. come suo solito ha offerto un punto di vista non banale sull’argomento (che io ovviamente riuscirò ad esprimere nel modo sbagliato): i telefoni (e i social nwetwork) ci danno anche molti spunti di parola e di discussione (la news, il video scemo, l’update dell’amicoincomunechenonsivededaunavita). E il tutto sta nel tenerli come spunto, nel lanciare l’occhiatina e non esagerare, dedicando troppa attenzione al telefono e non alle persone.

Ma invece lo spunto per farlo diventare un buon proposito arriva da P.

E il punto è di cambiare quelle brutte e fastidiose abitudini ormai consolidate.

E questi sono i propositi a riguardo che voglio riuscire a mettere in pratica:

  • niente più risvegli social: il resto del mondo può aspettare, non c’è bisogno di attaccarsi al telefono appena svegli, durante la colazione, prima della doccia, mentre mi sto vestendo;
  • in macchina si guida, al massimo si controlla il navigatore;
  • in metro o in treno ok per ascoltare musica e mi concedo al massimo la lettura degli update da Feedly. O, sarebbe meglio, un 3DS, una PS Vita o un Kindle;
  • in giro con gli amici: il meno possibile.

Ce la farò? Beh, poco alla volta. Poi c’è un anno di tempo per raccontarvelo, giusto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.