A volte, il campanello suona

Comunque, certe visite sono inaspettate.

O meglio, non tanto la visita stessa, ma ciò di cui si parla.

Veramente.

È che con chi ti conosce da quando non eri ancora nato a volte è difficile parlare di certe cose.

Non sai mai cosa sa, quanto sa e come reagirà all’argomento.

Però, forse, tutti questi timori lasciano da parte ciò che è fondamentale.

L’affetto che ci lega, da sempre e che ci ha tenuto uniti per anni.

E quindi, boh.

Si parte quest’anno pensando alle sue parole, sapendo di poter contare su tutta la sua famiglia.

Si inizia quest’anno sentendosi un po’ più forte, riscoprendo al tuo fianco qualcuno che ti forse ti eri dimenticato di avere.

Un pensiero su “A volte, il campanello suona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *